L’illuminazione a LED sbarca anche nell’arte e nella cultura

Sta avendo grande successo e diffusione, illuminando monumenti e opere famose. Anche il Louvre si “converte” alla nuova tecnologia.

fascio led illuminanteLuoghi famosi e lampade LED

La tecnologia delle lampade LED permette di ottimizzare notevolmente i consumi di corrente elettrica senza compromettere la resa della luminosità degli ambienti. A parità di luce emessa, le lampade a LED consumano fino al 93 per cento in meno rispetto ad un sistema di illuminazione con lampadine ad incandescenza. In base a questo dato, è semplice comprendere quali possano essere i guadagni se si utilizza la tecnologia LED per l’illuminazione di grandi ambienti e luoghi che devono stare illuminati per lunghi periodi.

Gli ambienti famosi illuminati con lampade LED

Molti ambienti di interesse culturale, monumentale ed architettonico, in cui il dispendio energetico è una voce rilevante del bilancio economico, hanno deciso di adottare lampade a LED per controllare e limitare le spese. Ne sono un esempio il Museo del Louvre, il ponte di Verrazzano a New York, il Castello di Praga, Eszterháza Palace in Ungheria e molti luoghi della Fondazione Musei Civici di Venezia.

Il Museo del Louvre e le lampade a LED

museo del louvre illuminato
Il museo parigino illuminato dalla tecnologia LED

Tra il 2011 ed il 2012 uno dei musei più frequentati d’Europa ha scelto di sostituire il proprio sistema di illuminazione e di optare per le lampade LED. Il Museo del Louvre, così facendo, ha istallato i sistemi LED nella celebre Piramide, nei Pyramidion, nel Padiglione Colbert e nella CourNapoleon; una scelta fatta per andare incontro alla salvaguardia dell’ambiente che ha consentito alla direzione del museo di risparmiare il 73 per cento del consumo di elettricità.

Staten Island e Brooklyn unite dal LED

Il celebre ponte di Verrazzano, più comunemente conosciuto come ponte di Brooklyn, ha subito un restyling dal notevole impatto ambientale ed economico, per la sua illuminazione sono state istallate delle lampade LED. Il Ponte è uno dei luoghi di maggior transito automobilistico della Grande Mela, quando in passato si dovevano sostituire le vecchie lampadine a bulbo il traffico veniva intralciato dai lavori di manutenzione. Le lampade LED assicurano una durata tra i 5 e i 10 anni, così il flusso automobilistico non ne risentirà.

Illuminazione LED nel Castello di Praga

Luogo riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità, il Castello di Praga che sovrasta e padroneggia sulla città ceca ha scelto di trasformare il proprio sistema di illuminazione a favore del LED. La più grande fortezza medievale del mondo, in collaborazione con la Panasonic, ha istallato 10mila lampade LED di diverso tipo, senza compromettere la suggestività degli ambienti e assicurando la salvaguardia dell’ambiente.

Il barocco illuminato dai LED

Uno tra i più grandi e sontuosi palazzi barocchi del Vecchio Continente, l’Eszterháza Palace in Ungheria ha voluto fare una scelta all’insegna del risparmio energetico e del rispetto della natura, nel corso di una ristrutturazione nel 2012 ha deciso di sostituire le vecchie lampadine ad incandescenza e alogene con lampade a LED. Insieme a Verbatim e alla National Trust of Monuments ungherese, la dirigenza del palazzo ha fatto istallare 1.250 LED a candela e 200 faretti. Gli esperti hanno calcolato che in questo modo il risparmio annuale potrà arrivare fino a 23 mila euro.

Il LED in laguna

Anche in Italia luoghi d’arte e monumenti si illuminano con lampade LED. È il caso della Fondazione Musei Civici di Venezia che, in accordo con la Philips, ha deciso di rivolgere il proprio impegno al risparmio energetico e alla tutela e salvaguardia dell’ambiente rinnovando l’impianto elettrico ed istallando lampade LED negli ambienti di Palazzo Ducale, Museo Correr, Museo di Storia Naturale e Palazzo Mocenigo. Il risparmio calcolato in questo caso si aggira tra il 70 e l’80 per cento in meno rispetto alla normale bolletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *